"POR UN PLANETA LIBRE DE CONTAMINACION"

Entradas etiquetadas como ‘alemania’

ATITUDE SUSTENTAVEL

image001_optECOTEC ARBOL 3

Anuncios

PROGRAMA CIDADES SUSTENTAVEIS

DIE DIOXINBELASTUNG WURDE IN DEUTSCHLND UND IM MÄRZ 2010 ENTDECKT

Im März:  deutschen Zeitungen haben die Entwicklungen im Fall von Dioxin in der Fabrik deutscher Distributor Harles und Jentzsch, wo einige Öle für die Herstellung von Biokraftstoffen verwendet ging an Futtermitteln nachgewiesen angekündigt 2010 und Spuren von Dioxin wurden in Nahrungsfett von dieser Gesellschaft in Deutschland vermarktet gefunden.

Laut Französisch Zeitung Le Monde, die nach der Entdeckung von Dioxin in Eiern von Harles und Jentzsch vermarktet, mehr als 4.700 Farmen und Agrarindustrie haben “vorläufig abgeschlossen” in Deutschland.

Das regionale Ministerium für Landwirtschaft des Landes Schleswig-Holstein, die regionalen Zustand, in dem das Unternehmen seinen Hauptsitz hat diese Informationen bestätigt, um sicherzustellen, es sei nicht der Test am 19. März durchgeführt gewarnt worden, bis zum vergangenen 27. Dezember. Die deutsche Tageszeitung Hannoversche Allgemeine Zeitung sagt Raten von Dioxin-Extrakte waren mehr als doppelt so normal, aber “Das Unternehmen setzte den regionalen Dienst der Analyseergebnisse auf eigene Initiative”, so ein Sprecher sagte Ministerium in Kiel.

Der deutsche Lebensmittel-Problem so dass es eine europäische
Die Dioxin-kontaminierten Produkte wurden in den Niederlanden und Großbritannien exportiert. Am Mittwoch, den das deutsche Landwirtschaftsministerium als anerkannt, dass 136.000 von kontaminierten Eiern Anfang Dezember wurden in die Niederlande exportiert. Am Donnerstag hat die Europäische Kommission fest, dass potenziell kontaminierte Eier hatte auch das britische Gebiet von 14 Tonnen von verarbeiteten Erzeugnissen für den menschlichen Verzehr (Mayonnaise, Gebäck, etc..) Erreicht. Allerdings, sagte Frédéric Vincent, Sprecher der Kommissarin für Gesundheit, dass “die Ebenen keine Gefahr für die menschliche Gesundheit festgestellt”. “Es würde viele Eier zu essen, und viele Produkte aus diesen Eiern, dass es ein echtes Risiko gemacht”, fügte er hinzu.

Trotz der beruhigenden Worte von Vincent, sind Dioxine Verbrennungsrückstände aus industriellen oder natürlichen als “Krebs” von der World Health Organization (WHO) betrachtet. Durch ihre Absorption wird in kleinen Mengen ist nicht unmittelbar gefährlich, aber der menschliche Körper eliminiert sie nur mit Mühe. Laut wissenschaftlicher Studien, Dioxine besonders betroffen sind schwangere Frauen.

INQUINAMENTO INGRASSO (ITALIANO)

INQUINAMENTO INGRASSO

Diversi studi di legame chimico predisposizione all’obesità
Essi sono in creme o plastica e agiscono come ormoni

Chili … E in più di contaminati

La Spagna ha un tasso di prevalenza di obesità tra il 23% e il 28%. / SANTI BURGOS

L’inquinamento non è solo associata ad un aumentato rischio di attacchi cardiaci, problemi respiratori o di sviluppare tumori. Alcune sostanze chimiche di sintesi molto presenti nell’ambiente e nella vita quotidiana (associati ai pesticidi e insetticidi, ma anche profumi, plastiche e cosmetici), predispongono all’obesità, secondo un numero crescente di studi. Questo è stato recentemente evidenziato il Center for Biomedical Research Network, Fisiopatologia dell’obesità e la nutrizione (CIBERobn), che riunisce 24 gruppi di ricerca leader in obesità spagnolo.

Alcuni di questi inquinanti ambientali sono sostanze che si presentano come gli ormoni (in qualità di interferenti endocrini, in gergo), confondere il corpo e scatenare disordini metabolici che modificano i processi di accumulo di grasso nel corpo.

Mentre l’interesse si è focalizzato sul rapporto tra inquinamento (soprattutto aria) e le principali cause di morte nelle società sviluppate (cancro e processi cardiovascolari), poca attenzione è stata prestata al coinvolgimento di altre sovrappeso tossico. Ma l’obesità è un’epidemia e, come sottolineato da Javier Salvador, ricercatore CIBERobn: “Siamo passati da una prevalenza del 12% in Spagna tra il 23% e il 28%”. E lo studio delle cause del sovrappeso “è sempre più alla moda”, ha detto Salvador, che è anche presidente della Società Spagnola di Endocrinologia e Nutrizione. Pertanto, l’attenzione si sta aprendo per capire quale sia il ruolo di questi inquinanti di uso comune, sia in questo problema come in diabete di tipo 2.

Le sostanze tossiche alterano il metabolismo e confondere il corpo

L’ultima iniziativa di evidenziare questo legame è partito CIBERobn attraverso un compendio di studi recenti pubblicati negli ultimi anni. “E ‘un nuovo campo”, dice Nicolas Olea, Professore di Medicina, Università di Granada, e uno dei maggiori esperti spagnoli sui giocatori del rapporto tra inquinamento ambientale e in sovrappeso.

Tra loro ci sono gli inquinanti persistenti cosiddetti organici (POP), prodotti chimici, con elevata resistenza alla degradazione, che si accumulano nella catena alimentare e che essendo liposolubile, si concentrano nel grasso. Ad esempio, i pesticidi organoclorurati come il DDT. “Dalla sua persistenza ci dà una buona idea comunque è stata rilevata nel 88% della popolazione quando è stato vietato nel 1975”, ha detto Salvador.

Essi sono uniti composti seudopersistentes, come rilevato da Olea. Essi hanno la stessa capacità di guardare il corpo, ma l’esposizione a queste sostanze è talmente continuo che fungono anche da interferenti endocrini su base giornaliera.

Questi composti
non solo grasso,
male anche

Questo gruppo comprende ftalati, utilizzati nel settore come ftalati, benzofenoni, presenti nelle filtro UV, schermi solari, parabeni, che vengono utilizzati per estendere la durata di conservazione di prodotti cosmetici, quali shampoo, o bisfenolo A (BPA) trovato in plastica (policarbonato e resine epossidiche).

Questo prodotto ha una serie di studi mirati Angelo Nadal, direttore dell’Unità di Fisiologia Cellulare e Nutrizione dell’Università Miguel Hernández de Elche, il che rende molto di Olea. In questi studi, con i ratti mostrano che dosi relativamente basse di bisfenolo A livelli di esposizione equivalente al quotidiano e frequente nella maggior parte della popolazione “atto, non più come un estrogeno [ormoni sessuali femminili] debole, ma come estradiolo [ la forma più potente di estrogeno, tra le altre cose, influenza la distribuzione del grasso corporeo nelle donne] “, ha detto Olea.

L’esposizione a questi composti “in certi periodi inadeguati livelli di sviluppo”, soprattutto nella fase fetale e l’infanzia, influenzare sia l’obesità e nel diabete, il ricercatore aggiunge. In realtà, un altro studio cui fa riferimento la CIBERobn, Nadal insiste anche su questa idea.

L’industria della plastica nega la loro causa dell’obesità prodotti

Il ricercatore universitario Miguel Hernandez de Elche ratti in gravidanza esposte a bisfenolo A durante i 19 giorni di gestazione di questa specie. Tutti hanno sviluppato il diabete gestazionale e la prole sviluppato la malattia a sei mesi. Infatti, il rapporto con diabete viene prima portato a obesità.

Così, la rete di ricercatori ha osservato che l’obesità questi composti “non solo il grasso, troppo malati”. E il legame con due malattie strettamente correlate con il diabete: la sindrome metabolica (un insieme di fattori di rischio tra cui l’obesità addominale, iperglicemia e ipertensione che hanno il 31% della popolazione adulta spagnola, secondo l’ultima edizione del Journal spagnola Cardiologia) e resistenza all’insulina. “L’esposizione simultanea a numerosi composti organici persistenti, possono contribuire alla obesità, dislipidemia e l’insulino-resistenza, i precursori più comuni al diabete,” ha detto Javier Salvador.

Il ricercatore spiega che il documento preparato da specialisti in obesità non è destinato ad essere allarmista, ma di richiamare l’attenzione sul legame tra sovrappeso e questi materiali tossici da esperimenti su animali e studi epidemiologici. Quindi ricorda che l’obesità è dovuta a una combinazione di fattori. Inquinanti ambientali sono una variabile di una complessa equazione a cui bisogna aggiungere la genetica, stress, dieta o esercizio fisico. Senza dimenticare il vecchio. “E ‘due volte più comune negli adulti più anziani”, ha detto Salvador.

Di fronte alla relazione tra inquinanti e sovrappeso, soprattutto tra BPA e l’obesità, ci sono voci del settore delle materie plastiche che rifiutano la connessione. “Non c’è alcun legame dimostrato tra BPA e obesità”, spiega PlasticsEurope, l’associazione dei produttori di materie prime plastiche, in risposta a questo giornale sullo studio della CIBERobn. Le relazioni che collegano questo composto al sovrappeso “si basano su un piccolo numero di studi” contengono “un gran numero di vincoli” tra i quali ricordiamo “piccoli campioni, il numero limitato di livelli di dose o utilizzando un percorso inadeguato di esposizione “. Così, dicono, “non è possibile estrapolare le loro scoperte agli esseri umani.”
Chili … E in più di contaminati

La relazione del Biomedical Research Centre Network (CIBER) di obesità si conclude con un climax singolare: tra inquinamento e obesità è un elenco di ritorno. L’inquinamento feedlot attraverso perturbatori endocrini, ma anche in sovrappeso “ha un effetto negativo sulla conservazione e la sostenibilità dell’ambiente naturale.”

In questo caso, il controllore non sarebbe alcuna delle 600 sostanze che alterano il metabolismo in europeo censimento ma anidride carbonica, una delle cause di gas ad effetto serra. Anche se la sua influenza è piccolo rispetto, ad esempio, settori quali i trasporti o l’industria.

Il CIBER fornisce diversi esempi provenienti da studi diversi. Ogni persona grassa è responsabile per l’emissione di quasi una tonnellata extra di CO2 ogni anno di un sottile, secondo uno studio pubblicato nel 2009 nel Journal of Epidemiology Scuola di Igiene e Medicina Tropicale.

Un articolo sulla base di una simile filosofia Gryca Ania e firmato da altri autori sul Journal of Obesity nel 2011 ha suggerito che una perdita di peso di 10 chili di tutti i pazienti con obesità e sovrappeso nel mondo sarebbe una caduta del 0,2% della produzione di CO2 nel 1997.

Altri studi si concentrano sui costi del carburante aggiunti coinvolte nel movimento per le persone più pesanti. Un’indagine dai Centers for Disease Control and Prevention degli Stati Uniti ha stimato che tra il 1960 e il 2002 avrebbe potuto salvare lo 0,7% delle emissioni di CO2 e consumo di carburante quando nessuno dei passeggeri ha avuto l’obesità.

Il costo stimato extra era 3.700 milioni di litri di benzina.

Nube de etiquetas

A %d blogueros les gusta esto: